home‎ > ‎Progetti‎ > ‎

La Montagna Dentro

Con "La montagna dentro"abbiamo voluto portare nella cementificazione cubica della struttura carceraria l’esperienza, seppur indiretta, del contatto con la natura attraverso la potenza del cinema. Poter vedere le manifestazioni della natura, la neve, la pioggia e i suoi suoni, il risveglio della vegetazione, gli animali, gli umani nel loro rapporto con l’ambiente, aiuta a risvegliare in sé i ricordi, i vissuti del passato. La natura costituisce un elemento fondamentale nella pacificazione, nel ritrovamento di un senso del vivere. La visione dei film a concorso nel Film Festival della Lessinia, e la formazione di una Giuria dal carcere per un Premio Speciale “MicroCosmo” assegnato dai detenuti ad un film da loro scelto, si offrono come occasione di un lavoro che si espande per tutta l’estate, con la scrittura e la ricerca sui temi dei film. Ogni anno inoltre apporta un contributo sul tema uno scrittore appassionato di antropologia del paesaggio, realizzando uno scambio nelle reciproche elaborazioni. Ormai è un appuntamento atteso quello che appunto si configura come una Giornata di Studi in una stanza del carcere, nella quale i muri perimetrali scompaiono, la stanza riempita dall’intensità di questo incontro.